L’armocromia o color analysis è lo studio della palette cromatica di un individuo, uomo o donna. Partiamo con lo sfatare alcuni miti. Primo, l’armocromia non è una scienza esatta, come la matematica o la fisica per intenderci. Secondo, non esistono sedicenti esperti del colore o massimi esperti del colore, semplicemente perché l’analisi del colore non è una materia accademica. Ci sono solo professionisti con molta competenza in materia, altri con meno e alcuni con nessuna competenza. Terzo, l’armocromia può essere uno strumento utile per costruire e pianificare il proprio guardaroba.

I primi studi sul colore si devono a Goethe, ma un approccio più sistemico alla materia risale alla prima metà del ’900. Suzanne Caygill è considerata la pioniera della color analysis e della consulenza di immagine. La prima ad avere intuito che alcuni colori ci donano di più e altri di meno. Ma è solo negli anni Ottanta che Carole Jackson elabora la Seasonal Color Analysis, che ancora oggi è il metodo utilizzato per l’analisi del colore in tutto il mondo. Inutile dire che l’intuizione di Carole è diventata una storia imprenditoriale di successo.

Megan Fox, scondo la color analysis è un Inverno

Come funziona l’analisi del colore?

L’armocromia è il primo step della consulenza di immagine, la base per intenderci. Una buona analisi del colore deve essere fatta di persona, diffidate di chi propone consulenza online o via Wapp. I monitor dei device elettronici distorcono i colori, per non parlare di eventuali filtri o luci artificiali, e voi vi ritrovereste con una color analysis sbagliata. Anche se chi vi fornisce la consulenza è un “esperto del colore”, rifiutatevi. Ho visto autoproclamatisi maestri della color analysis scivolare su una manciata di pixel.

Un’analisi del colore che si rispetti richiede almeno un’ora, il suo prezzo oscilla tra i 150 e i 400 euro (prima è una presa in giro, dopo un furto) e si svolge con dei drappi di tessuto. I drappi servono a individuare prima il sottotono della pelle (caldo o freddo) e poi la stagione di appartenenza.

La bella Cameron Diaz è una Primavera

Le stagioni dell’armocromia sono quattro: Inverno, Autunno, Estate e Primavera. Le stagioni sono del tutto convenzionali, infatti fanno riferimento al variare dei colori nella natura. I toni profondi e scuri dell’inverno lasciano spazio alle tinte vibranti della primavera. La primavera cede il passo ai colori soffusi dell’estate e infine l’estate esplode nelle tinte calde dell’autunno.

Kate Middleton è un’Estate

A cosa serve la color analysis?

Primo, a individuare i nostri trenta colori speciali. Quei colori cioè che ci stanno bene, rendono il nostro viso più luminoso e l’incarnato omogeneo. Secondo, a pianificare lo shopping. Una volta individuata la nostra palette di riferimento eviteremo incauti acquisti. E ne beneficerà il nostro portafoglio, credetemi! Terzo, tutti i colori di una palette si abbinano perfettamente, questo significa non dover pensare a cosa indossare. Quarto, l’armocromia è un valido strumento per la scelta del make up, dal fondotinta al mascara, e del colore dei capelli.

Megahn Markle è un Autunno